Associazione Spazio
Attività Spazio incontra: Cristiano Ceccato Indietro
Loader

Spazio incontra: Cristiano Ceccato

Il primo incontro del ciclo "Spazio, tecnologia e ambiente nei grandi maestri dell'architettura"
06 dicembre 2020

SPAZIO, TECNOLOGIA E AMBIENTE NEI GRANDI MAESTRI DELL'ARCHITETTURA

 

Il ciclo di seminari vuole configurarsi come un dialogo diretto tra i principali professionisti nel campo dell'architettura e gli studenti, invitando quest'ultimi a riflettere sulle complesse dinamiche evolutive che investono lo scenario urbano e abitativo.

 

Fulcro programmatico dei convegni è quello di riallacciare l'uomo al suo ambiente, superando le contraddizioni apparenti tra sviluppo economico, sostenibilità e solidarietà, per ricostituire la matrice identitaria di comunità frammentate da forme di solipsismo tecnologico, prima ancora che dalla recente crisi sanitaria. Se da un lato infatti, l'evoluzione dei mezzi di comunicazione ci ha consentito di fronteggiare efficacemente la pandemia, dall'altro ha accelerato la dilatazione delle realtà urbane, finendo per smaterializzare i luoghi fisici di aggregazione e le stesse relazioni interpersonali.

 

Riportare l'uomo al centro dei processi di definizione dello spazio, recuperando un rapporto più equilibrato con la realtà virtuale e con l'habitat naturale, rappresenta allora in questi termini un atto progettuale sovversivo volto a delineare un modello alternativo e più aperto di progresso. Atri due temi dell'incontro sono quelli che riguardano l'innovazione tecnologica e il conseguente mutamento del ruolo del progettista, sia all'interno dello studio di architettura che nella società. Sempre più oggi, infatti, il progetto è il frutto della convergenza di numerose competenze specialistiche - tra le quali l'architetto sta assumendo gradualmente il ruolo del mediatore e del coordinatore – oltre che dell'impiego consapevole di nuove strumentazioni. Facendo tesoro dell'esperienza dei grandi maestri dell'architettura contemporanea, le conferenze ambiscono a tracciare in tal senso un orizzonte culturale ottimistico che - mantenendosi critico e obiettivo - sia capace di stimolare un approccio insieme innovativo e responsabile nelle nuove generazioni di progettisti.

 

L'ospite: Cristiano Ceccato

 

Cristiano Ceccato, architetto e informatico nato a Milano nel 1968, completa i suoi studi a Londra dove nel 1996 si laurea in architettura alla Architectural Association e nel 1997 ottiene un Master in scienze informatiche al Imperial College of Science and Technology.

 

Dopo la collaborazione con alcuni studi londinesi si trasferisce negli Stati Uniti e dal 2001 lavora presso lo studio di Frank O. Gehry a Los Angeles. Durante questa esperienza ha modo di seguire lo sviluppo e l'applicazione di metodi di progettazione parametrica, modellazione integrata e costruzione digitale su una vasta gamma di progetti in vari stati di elaborazione e realizzazione. Durante i sette anni di collaborazione presso Gehry Partners, Cristiano diventa co-fondatore del gruppo Gehry Technologies in qualità di responsabile dei servizi di ricerca, consulenza professionale e trasferimento tecnologico. Il gruppo Gehry Technologies in questi anni ha ruolo fondamentale nel campo della computazione in architettura, ponendo le basi per nuove forme di pratica professionale, tra cui l'utilizzo della tecnologia BIM, oggi diffuse tra i progettisti su scala globale. Questa esperienza gli permette di collaborare con Boeing in progetti di ricerca nell'ambito della modellazione 3D e di lavorare su molti cantieri tra cui La Sagrada Familia a Barcellona.

 

Attualmente ricopre la carica di Director presso Zaha Hadid Architects, investendo un ruolo di elevata responsabilità all'interno dello studio. Le sue competenze prevedono leadership in ambito progettuale e tecnologico di edifici ed infrastrutture di larga scala nei loro aspetti architettonici e strutturali, partendo dalla razionalizzazione geometrica computazionale degli stessi fino alla loro soluzione costruttiva definitiva; nonché sviluppo del business, relazione con la clientela e controllo dei costi attraverso una gestione integrata degli obbiettivi ed una metodologia digitale condivisa con gli associati dello studio.


 

Dal 2010 guida ZHA all'interno del mercato aeronautico ricevendo commissioni in Cina, Messico, Turchia e USA le quali hanno permesso allo studio di stabilire partnership interdisciplinari importanti all'interno del settore industriale in questione. Inoltre è stato il direttore dei lavori per il nuovo Aeroporto Internazionale di Beijing-Daxing inaugurato nel 2019.
Cristiano ha esercitato la professione di architetto in Europa, Asia e negli Stati Uniti, collaborando con altri studi importanti quali Herzog & de Meuron, ARUP, Arata Isozaki ed eseguendo anche progetti indipendenti. Ha avuto incarichi accademici a Londra, Hong Kong, Los Angeles, Australia ed è stato professore a contratto al Politecnico di Milano. Dal 2004 è membro della Royal Society of Arts britannica.

 

"The model is usually built by the architect. The architect who is coordinating the project will establish a skeleton. Building off this generic skeleton, the structural engineer will then dimension and design and build his columns or his concrete structural system. The cladding fabricator will devise and design and build a model of his cladding system and integrate that. So all the different people participating in the project begin to derive information from the model and contribute information back into the model. So the model is almost like a living thing that keeps growing through the project life cycle".

Scarica qui i files di progetto:
Lascia il tuo commento